DATACAMPIONATOEVENTO

Ultimo evento del combattutissimo Marcas Cup 2016 organizzato dal portale RaceAcademy, sul circuito di Curitiba.

In lizza per il titolo piloti si presentano Alessio Lucchesi del Velociraptor Racing Team ed il nostro Valter Traversa, deciso più che mai a dare battaglia al suo forte avversario, leader momentaneo del campionato.

La sessione di qualificazione prometteva bene, poichè dietro al poleman, un po' a sopresa, Federico Marino si piazzava proprio il nostro pilota #76, riuscito nell'intento di precedere proprio Lucchesi al via, cosa riuscitagli di rado durante tutto l'arco del campionato; male invece Gianfranco Zeni, protagonista negli hotlaps settimanali ma alla fine solo 8° in griglia.

Lo svolgimento di gara 1 è stato tutto sommato piuttosto lineare, dato che Traversa è riuscito a sopravanzare Marino circa ad un terzo di gara, grazie ad un errore del pilota autore della pole, ed ha successivamente resistito all'arrembante Lucchesi, autore di tentativi di sorpasso piuttosto maschi e decisi, ma mai efficaci fino in fondo, tanto da consentire a Valter di transitare primo sotto la bandiera a scacchi con ben 1'7" di vantaggio; anonima, come le qualifiche, la prima manche di Zeni, anche se il suo 6° posto, davanti a Matteo Pellegrino, consentiva di ridurre ulteriormente lo svantaggio del Busters Racing Team nei confronti del Velociraptor nella classifica dedicata alle squadre.

Gara 2, con l'inversione di griglia dei primi 10 della prima manche, diventava così decisiva per l'assegnazione di entrambi i titoli: Valter Traversa, consapevole di dover stare davanti al rivale Lucchesi, non si è risparmiato per tutti i 30' della seconda manche, ma le continue bagarres causate dall'inversione dell'ordine d'arrivo di gara 1 non lo hanno certo agevolato, fermo restando la bravura di Lucchesi a rintuzzare ogni tentativo del nostro alfiere, che ha così alla fine concluso al 5° posto, preceduto di pochi decimi proprio dal rivale, il quale si è così aggiudicato il titolo piloti bissando quello teams, per il quale le nostre speranze sono naufragate anche per il mesto 12° posto di Zeni, incappato nella serata peggiore del campionato proprio nel momento decisivo.

Concludendo, facciamo in ogni caso i complimenti ai nostri piloti ed ai nostri avversari, che hanno reso avvincente la lotta fino all'ultima curva dell'ultimo giro, aspettando ad un pronto riscatto Zeni e Traversa nel campionato estivo WES Sprint Series che RA proporrà ai propri utenti nel mese di luglio, e dove il nsotro team sarà protagonista con una fiammante BMW Z4 GTE.

Stay tuned!

 

Il podio di gara 1, con Traversa, vincitore, al centro.

 

Traversa precede Lucchesi nella fase centrale di gara 2.

 

 

Buona serata, quella di Spa Francorchamps, teatro del 4° evento della F.Abarth 2016 di RaceAcademy, per ll nostro team, anche se le premesse erano di tutt'altro genere, soprattutto per Gianluca De Matteo.

Il nostro fuoriclasse, infatti, ha messo a segno una ottima pole position davanti a Lorenzo Lucidi ed al leader incontrastato del campionato, Guglielmo Matti, mentre Vittorio Scalet ha colto una ottima 6a piazza, che faceva ben sperare per la gara, come sempre sulla distanza di un'ora con pit obbligatorio per cambio mescola.

Al via, i nostri due portacolori sono partiti benissimo, con De Matteo in grado di mantenere la prima posizione e Scalet bravo a transitare 4° alla Source, anche se per una penalità da scontare dal round precedente, Vittorio si è subito fermato a scontare lo Stop & Go, e da qui ha iniziato una discreta rimonta che lo ha portato, alla fine, ad agguantare la decima posizione, nonostante tutto.

Davanti, invece, De Matteo resisteva a Matti per quanto possibile, avendo montato le gomme dure al via contro le soft del diretto avversario, puntando quindi tutto sulla strategia: purtroppo per lui, però, al momento di rientrare per la sua sosta, Gianluca ha mancato la piazzola di sosta e, nel riposizionarsi facendo retromarcia, ha subito anch'egli uno Stop & Go, perdendo di fatto ogni chance di vittoria e podio.

Alla fine però, con una bella rimonta, De Matteo ha comunque concluso 4°, dietro al vincitore Matti e a Lucidi e D'Angelo, portando punti preziosi soprattutto per la classifica team.

E, a proposito di classifiche, in quella piloti De Matteo recupera la seconda posizione scavalcando Rosario D'Angelo, mentre in testa rimane saldamente Guglielmo Matti, con un vantaggio di ben 31 punti sul nostro portacolori; in graduatoria teams, invece, il Busters Racing rimane in vetta con 12 lunghezze sul Reborn Racers, 109 a 97, mentre l'Hastag Racing Team è terzo a quota 93 punti.

Prossimo appuntamento, in programma domenica 12 giugno, sul cicuito tedesco di Hockenheim.

 

De Matteo davanti a tutti in griglia di partenza.

 

 

Gianluca in azione in una bella immagine al tornatino della Source.

Iniza una nuova avventura per il nostro team, con una sorta di ritorno al passato, già annunciato nell'articolo di presentazione del nostro nuovo main sponsor; il Busters Racing Team infatti torna a cimentarsi nel tipo di competizioni che ne hanno segnato la storia ed il prestigio nei primi 10 anni di vita: le gare endurance!

Grazie al Vice TM fresco di nomina, Marco Belfiore, sulla piattaforma simulativa di iRacing il Busters Racing parteciperà al campionato endurance ASRC con una fiammante Audi R8 GT3, con la quale i nostri piloti hanno debuttato, in due equipaggi, come prima presa di contatto, nella 4h di Spa circa 1 mese fa, subito replicata dalla 6h di Daytona circa 15 gg orsono, stavolta con una sola Mercedes SLS GT3.

Se l'evento in Belgio era stato preso un po' come puro divertimento in relazione all'insperienza di quasi tutti i simdrivers coinvolti, portando comunque due buoni risultati finali di classe (anche se fuori dalla top10), quello a Daytona ha visto la nostra auto decisamente tra i team protagonisti, essendo stata in lotta per il podio fino a metà gara, per poi giungere 5a di classe sotto la bandiera a scacchi dopo 6 ore piuttosto tirate.

L'equipaggio messo in pista a Daytona, che più o meno sarà quello iscritto al campionato, era composto da: Giacomo Altoè, Alessandro Altoè, Ugo Federico Bagnasco e Marco Belfiore, il quale, oltre al ruolo di pilota, ha fatto anche un po' da "tutor" ai ragazzi del nostro Junior Team, i quali da par loro ci hanno messo una passione per l'endurance difficilmente riscontrabile negli under20. 

Sin dalle qualifiche, disputate dal veloce Giacomo Altoè, si è intravisto il potenziale del team, che ha preso il via dalla 5a posizione di classe GT3 con il tempo di 1'43"389, andando poi a conquistare, subito nelle prime battute di gara, la terza piazza, mantenuta senza particolari problemi per le quasi due ore di turno di Giacomo, rimasto sempre nella finestra di 3"-5" di distacco dal secondo posto.

Sceso "GEK" dalla SLS, è salito Alessandro per un'ora di turno, nella quale ha perso 2 posizioni ma ha sempre mantenuto un passo interessante, non mettendo mai a rischio l'auto e consegnando a Bagnasco la Mercedes in 5a posizione; purtroppo, sicuramente per irruenza ed emozione, Federico ha subito toccato il muro in uscita dai box, vedendosi costretto a girare su un passo più altro rispetto a i suoi compagni che lo hanno preceduto, ma il cospicuo vantaggio accumulato non ha mai messo in discussione la posizione acquisita, nemmeno dopo un crash del pc di Bagnasco, che ha obbligato il team ad un cambio di strategia, facendo salire Marco Belfiore un po' prima in auto rispetto al piano previsto.

Il nostro vice TM ha guidato fino a fine gara, tra svariati problemi per errori di strategia ai pits, ma ha comunque recuperato la 5a posizione piuttosto agevolmente e ha così portato la SLS sotto la bandiera a scacchi con gomme vecchie di quasi 3 stint...davvero rimarchevole!

Ora non resta che attendere l'undici giugno, dove con la 6 ore di Silverstone prenderà il via questo atteso campionato a livello mondiale,, con la ciliegina sulla torta della diretta integrale curata da PaddockTv...non resta che rinnovare i nostri milgiori auspici al team, il cui target è sicuramente quello di puntare alla top5!

Forza Busters!

 

Un paio di screens della nostra SLS GT3 AMG in azione a Daytona.

E' con fiera soddisfazione che diamo l'annuncio di una nuova importante partnership per il nostro team:

la QmaXTech, azienda leader che opera nel settore della vendita online di componenti per pc gaming da oltre 15 anni, ha deciso infatti di legare il proprio nome al nostro, andando così a creare una convergenza d'intenti con il Busters Racing per puntare all'eccellenza nei rispettivi settori.

QmaXTech affiancherà il Busters Racing Team già dalla 6 ore di Daytona su iRacing di domani sera, dove la nostra squadra sarà presente con una fiammante e nuovissima Mercedes SLS AMG GT3, evento che farà da prologo all' ASRC WORLD ENDURANCE CHAMPIONSHIP, vero e proprio campionato endurance articolato su 6 eventi, da giugno a dicembre, in cui, molto probabilmente, verranno schierate due vetture con i nostri colori, colori che cogliamo l'occaisone di presentare nelle immagini sottostanti, assieme al logo della partnership con QmaXTech creato per l'occasione.

Forza Busters!

 

 

Eccoci arrivati al quarto appuntamento di questo tiratissimo campionato Marcas Cup 2016 in quel di Santa Cruz do Sul.

La qualifica regala subito una paicevole conferma, con Gianfranco Zeni che fa segnare il secondo tempo, alle spalle del poleman Alessio Lucchesi, confermando i tempi degli hotlaps settimanali, mentre Valter Traversa, leader del campionato, non va oltre al sesto posto, mancando una grande occasione per poter star davanti a tutti, o quasi i suoi avversari diretti.

In gara 1 i due del Busters portano punti importanti in termini di campionato, anche se Zeni perde la seconda posizione proprio nelle fasi finali dopo una prestazione di tutto rispetto e chiude quarto, mentre Traversa dalla sesta posizione riesce a risalire in zona podio e ad agguantare un secondo posto sudatissimo dietro al vincitore, e dominatore assoluto della serata, Alessio Lucchesi.

In gara 2, con la classica inversione dei primi dieci, Gianfranco Zeni con un grande passo gara riesce a duellare con le unghie e con i denti, chiudendo in quinta posizione, mentre Traversa deve arrendersi ad un fatidico, e quanto mai inopportuno, connection lost, consegnando cosi a Lucchesi che non si fa sfuggire l'occasione di fare bottino pieno, il comando della classifica piloti con 169 punti, 10 in più sul nostro sfortunato simdriver; Zeni consolida invece la terza piazza, a quota 126 lunghezze, 8 in più di Stefano Scozzafava.
 
Per la classifica team, nonostante lo zero di Traversa, i Busters restano in cima con un vantaggio di soli due punti sui Velociraptor Racing Team, con rispettivamente 285 e 282 punti, mentre l'Energy Racing Team segue a quota 217.
 
Prossimo appuntamento, il penultimo della serie, all'autodromo di Campo Grande il 22 maggio, dove attendiamo Valter ad una pronta riscossa dopo la sfortuna di questo evento.
 
 
Il podio di Gara 1, con Traversa secondo a "sandwich" tra le due auto del Velociraptor.
 
 
 
Zeni in azione in Gara 1, davanti a Tilen Horvat.
 

 

Con l'evento disputato a Jacarepaguà domenica scorsa, siamo arrivati al giro di boa di questo avvincente campionato turismo, organizzato da RaceAcademy.
 
P.artiamo dalla qualifica, dove uno scatenato Gianfranco Zeni vede conquistare la seconda posizione in griglia, mentre il suo compagno di squadra Valter Traversa, nonostante un buon tempo, non va oltre la quinta posizione, portando così le due Chevy Cruze del Busters Racing in prima e terza fila.
 
In gara1 i nostri dimdrivers disputano una manche attenta e pulita, con l'intenzione di portare punti (pesanti) e preziosi a casa, ed infatti, senza particolari problemi o sofferenze, chiudono 2° e 3° dietro al vincitore Maurizio Argiolas, con Valter che, giugnendo davanti a Gianfranco, riesce a massimizzare il vantaggio di punti su Alessio Lucchesi, suo diretto inseguitore in campionato, il quale ha chiuso solo 7° dopo aver subito una penalità di 18" nel post gara.
 
In gara2, con la classica inversione dei primi dieci di gara1, qualche situazione di caos nelle prime fasi di gara rallenta Zeni che si ritrova undicesimo, mentre Traversa, partito in nona posizione, con un buon passo alla fine agguanta un podio sudatissimo (3°) passando Federico Marino all'ultima curva dell'ultimo giro; da par suo Zeni, dotato anch'egli di un passo gara rimarchevole, rimonta parecchie posizioni e riesce a chiudere ottimo 5° la manche che vede il Velociraptor Racing Team fare doppietta con Lucchesi vincitore davanti al compagno Matteo Pellegrino.
 
La situazione in classifica piloti vede pertanto Valter Traversa comandare con 136 punti, seguito da Alessio Lucchesi con 119 e Stefano Scozzafava a 93 punti, a sua volta insidiato da Zeni che sale a quota 91 e si mette in lizza per il podio finale; la graduatoria team vede ancora saldamente al comando il Busters Racing Team con 227 punti, che allunga a+29 il vantaggio sul Velociraptor, a quota 197, mentre in terza posizione troviamo l'Energy Racing Team con 157 punti.
 
Prossimo appuntamento sulla bellissima pista di Santa Cruz do Sol, tra circa 10 giorni!

 
Il podio di gara 1, con le due auto Busters al 2° e 3° posto.
 
 
 
 
Il soprasso vincente di Traversa su Marino all'ultima curva di gara 2.
 

 

Il titolare della vettura #40 doveva essere Vittorio Scalet, compagno d' avventura di Valter Traversa nel campionato F.Abarth 2016 organizzato da RaceAcademy con rF2...appunto, doveva, perchè uno sfortunato problema col volante ha reso necessaria la sua sostituzione con Gianluca De Matteo, vera punta di diamante del nostro team.

E non poteva esserci debutto migliore per "il sostituto": Gianluca ha infatti siglato pole, vittoria e giro più veloce, facendo iniziare al Busters Racing Team questa nuova avventura nel migliore dei modi.

Andiamo con ordine: in qualifica, grazie ad uno strepitoso tempo di 1'56"210, De Matteo conquista appunto la pole (anche in virtù dell'esclusione di Quintaie, che aveva ottenuto il miglior tempo con solo 20 millesimi di vantaggio sullo stesso Gianluca, ma che si trovava in pista senza l'obbligatorio anticheat), mentre dietro di lui si piazzano Claudio Bivacqua dell'Hashtag Racing Team con 1'56"369 e Guglielmo Matti, indipenente ma"ovviamente" griffato SRZ, con 1'56"527.

Traversa non riesce invece ad andare oltre l'ottavo tempo, 1'57"473 il suo riscontro cronometrico, puntando tutto sulla strategia e il passo di gara.

E proprio la strategia di squadra (partire con le gomme dure per poi passare alle soft sfruttando l'auto più leggera), unita alla sorte, aiuta i due del Busters Racing Team sotto forma di Safety Car, il cui ingresso per ben tre volte nelle prime fasi di gara (della durata di 50') a causa di incidenti nelle retrovie, ha permesso ai due di rimanere in pista con gomme meno performanti a discapito di chi ha scelto di partire con le soft, più redditizie come prestazione ma con un'usura molto maggiore delle hard.

Traversa chiude quindi con un buon sesto posto e porta punti preziosi al team, anche se forse era lecito aspettarsi almeno una quinta piazza, mentre De Matteo sbaglia poco e niente e porta a casa una bellissima vittoria, precedendo sul podio Matti e Lorenzo Lucidi dello Strato Racing.

Il Busters Racing quindi chiude questo primo appuntamento facendo un ottimo bottino di punti, con De Matteo ovviamente in testa tra i simdrivers con 25 punti ed il team leader con 40 punti.

Ora il circus della F.Abarth passerà in terra catalana, dove tra circa 15 giorni vedrà di nuovo i suoi protagonisti darsi battaglia sul Circuit de Catalunya, dove il team attende il rientro di Scalet sulla vettura numero 40. 

 

De Matteo in azione alla mitica curva Copse.

 

Valter Ttraversa in lotta per la top 5.

Secondo round del Marcas Cup 2016 targato Race Academy, andato in scena sul circuito di Londrina, tracciato piuttosto breve, intitolato al grandissimo Ayrton Senna, ma sufficientemente tecnico, soprattutto con le auto a trazione anteriore protagoniste di questo avvincente campionato.
 
Iniziamo dalla qualifica, che si è rivelata tiratissima, con in soli otto decimi ben 15 piloti: per gli alfieri del Busters Racing non è andata male, con Zeni che segna un buon nono tempo e Traversa chiude con un quinto, mentre la pole posiotion è andata al "solito" Alessio Lucchesi.
 
In gara 1, complice qualche toccata di troppo dovuta ai soliti eccessi di agonismo,  Gianfranco Zeni perde parecchie posizioni e non va oltre  il tredicesimo posto sotto la bandiera a scacchi, mentre per Valter Traversa arriva un ottimo posto d'onore finale, dopo aver compiuto ottimi sorpassi su Marino, Rossetti e Lucchesi ed essersi quasi aggangiato al leader, e poi vincitore, Tilen Horvat.
 
In gara 2,  che prevede l'inversione dei primi dieci, Traversa parte dalla nona posizione, mentre Zeni dalla tredicesima: i nostri due alfieri hanno dimostrato di avere un buon passo gara portando a casa punti preziosi per il team, con Zeni che chiude con un'ottimo quarto posto mentre Traversa, dopo una battaglia al limite (e forse anche un pelo oltre) con Horvat nelle ultime curve, chiude con un altro bel secondo posto, ma sicuramente anche con qualche rammarico visto come è sfumata la sua possibile vittoria...
 
Dopo le prestazioni di questo secondo round, la classifica team vede il Busters Racing Team passare in testa con 147 punti, seguito a 19 punti dal Velociraptor Racing Team, mentre l'Energy Racing Team segue ad ulteriori 7 lunghezze; in classifica piloti Traversa si conferma in testa con 88 punti, seguito da Alessio Lucchesi a 84 e da Stefano Scozzafava a 71.
 
Prossimo evento, sullo storico circuito di Jacarepaguà, domenica 17 aprile!
 
 
Il sorpasso vincente di Traversa su Lucchesi in gara 1.
 
 
 
 
Il contatto tra Horvat e Traversa che è costato la vittoria in gara 2 a quest'ultimo.
 
 
 
E' partito il primo campionato ufficiale di RaceAcademy, il portale nato dalle "ceneri" di NRF, che si disputa con le turismo brasiliane del Copa Petrobras de Marcas seguendo il calendario reale dei principali circuiti carioca.
 
Il nostro team ha iscritto il neo acquisto Valter Traversa e il "redivivo" Gianfranco Zeni, pilota già presente con il team nei precedenti eventi V8 Supercars, SuperClio e V8 Superstars disputati sul già citato NetRacersFactor.
 
La qualifica è andata al di sotto delle aspettative in termini di prestazioni: sia Traversa che Zeni si piazzano rispettivamente nono e decimo, non senza recriminazioni.
 
In gara1 Traversa, nonostante abbia il passo per stare in zona podio, viene chiuso da due vetture davanti a lui facendogli perdere quei 4/5 secondi per rimanere con il trenino dei primi, mentre Zeni segue a distanza il compagno, chiudendo così rispettivamente quinto e sesto sotto la bandiera a scacchi della prima manche, dominata da Alessio Lucchesi.
 
In gara2, con l'inversione dei primi dieci della prima manche, Traversa rimane incollato ai primi 2 ma Massimo Rossetti sbaglia clamorosamente una staccata e colpisce quest'ultimo mandandolo fuori pista; Zeni, da par suo, commette qualche errore di troppo e chiude sedicesimo.
 
Peccato davvero per gara2, perchè il podio era alla portata di Traversa che termina la gara con un sesto posto in rimonta dopo appunto la "tranvata" ricevuta da Rossetti, ma, se non altro, dopo le vecissitudini del post gara, con parecchi utenti privi del log anticheat e per questo esclusi per regolamento dalle due manches, le 2 classifiche vengono rivoluzionate permettendo ai nostri portacolori di classificarsi (definitivamente) 2° e 3° in gara1, mentre in gara2 Valter recupera due posizioni rispetto al risultato della pista, venendo classificato 4°, mentre Gianfranco risale al 10° posto.
 
In virtù di questi cambiamenti post gara, la classifica generale piloti vede così al comando Alessio Lucchesi (1° e 2° ad Interlagos) con 48 punti, seguito da Stefano Scozzafava con 44 e dai nostri Valter Traversa e Gianfranco Zeni, a 42 e 32 punti.
 
Nella graduatoria teams, il Velociraptor Racing Team comanda con 77 lunghezze davanti proprio al nostro Busters Racing Team, secondo a soli 3 punti, mentre la terza squadra, l'Energy Racing Team, è già staccata di ben 33 lunghezze.
 
Prossimo appuntamento, il 3 aprile sul circuito di Londrina, dove i nostri alfieri cercheranno di guadagnarsi in pista le posizioni ottenute a tavolino nel "season debut".
 
Forza Busters!
 
Valter Traversa e Gianfranco Zeni (in lontananza) in azione ad Interlagos.
 
 
Ancora Valter Traversa in lotta per la top10. 

Buonissimo debutto per i nostri pioti Ugo Federico Bagnasco e Luca Villa nel campionato Flat6 Winter Gt organizzato da Iron.

Nel primo evento disputatosi a Brands Hatch, infatti, entrambi hanno visto la bandiera a scacchi in ottima posizione, con ovviamente Bagnasco sugli scudi, grazie ad un'ottima piazza d'onore, mentre Villa ha chiuso 5° dopo una lotta serratissima per il gradino basso del podio.

Dopo le qualifiche, che hanno visto i nostri due simdrivers partire rispettivamente 6° e 7°, al semaforo verde lo scatto felino di Bagnasco gli ha permesso di salire praticamente subito in 2a posizione (aiutato anche da un incidente multiplo che ha messo "fuori gioco" Andrea Romeo e Sandro Mormina, due tra i favoriti, attardandoli notevolmente), mantenendola poi fino alla fine, quando però si è dovuto difendere strenuamente dal ritorno di Andrea Martino, avvantaggiato da un errore dello stesso Federico, il quale ha danneggiato lo splitter della sua Porsche nel tentativo di rimontare sul leader, e poi vincitore, Osvaldo Cocozza, in testa per tuti i 42 giri di gara.

Anche Villa, uscito indenne dal caos del primo giro, ha lottato per tutta l'ora di gara per un posto sul podio con Alfonso Apicella e Andrea Martino, giunti poi rispettivamente 4° e 3°, riuscendo però a precedere il sempre costante Walter Ponzo.

Il prossimo appuntamento del Flat6 sarà sullo stupendo circuito di Imola, dove speriamo di vedere un'altra gara allo stesso livello di quella appena disputata a Brands Hatch dai nostri due portacolori.

Stay tuned!

 

Ugo Federico Bagnasco in azione a Brands Hatch.

Official Sponsors



Newsletter
MotorSport News